Servizi Regionali

Nuovi dati climatici e UNI TS 11300 parte 5 e 6

Il 31 marzo 2016 sono state pubblicate le norme UNI TS 11300-5 “Calcolo dell’energia primaria e della quota di energia da fonti rinnovabili”, UNI TS 11300-6 “Determinazione del fabbisogno di energia per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili” e UNI 10349 “Dati climatici” che, secondo quanto previsto al decreto 26 giugno 2015 “Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici”, entrano in vigore nel territorio nazionale il 29 giugno 2016.
Regione Lombardia nel DDUO 6480 del 30 luglio 2015, ed in particolare nell’Allegato H, ha inglobato la norma UNI TS 11300-5 ed i nuovi dati climatici previsti dalla UNI 10349, anticipandone di fatto l’entrata in vigore; pertanto fin dalla pubblicazione della versione 1.0.0 il software CENED+2.0 risulta allineato alle norme suddette.
Allo stato attuale risulta ancora escluso il solo calcolo previsto dalla UNI TS 11300-6; le informazioni in merito all’entrata in vigore di tale modulo di calcolo verranno fornite con successive comunicazioni.

Importazione file di terze parti in CENED+2.0

Si avvisano gli utenti che i file XML elaborati parzialmente con software commerciali devono essere importati in CENED+2.0 utilizzando esclusivamente la funzione “Importa file XML”

Con la pubblicazione della versione 1.1.4 di CENED+2.0, avvenuta in data 13 giugno 2016, è stato implementato un meccanismo volto a favorire la comunicazione tra i software commerciali e CENED+2.0 ed il conseguente scambio di dati.
Tale meccanismo, in continuità con quanto già accadeva con la versione CENED+1.2, consente agli utenti di software commerciali di utilizzare gli stessi per inserire solo alcuni dati (ad es. dati di involucro), esportare il file e continuare l’inserimento dei dati in CENED+2.0, per poi generare il file da depositare in Catasto ed il conseguente APE.
Per effettuare queste operazioni il software commerciale deve assicurarsi che la struttura del file da esportare verso CENED+2.0 sia coerente con quanto richiesto nelle specifiche funzionali (rilasciate alle software-house a partire dal 2 aprile 2014). Il controllo avviene tramite una semplice funzione che può essere richiamata dal motore di calcolo CENED+2.0, fornito alle Software-house.
La descrizione dettagliata del meccanismo e la corretta modalità di interazione con CENED+2.0 sono descritte in un documento dal titolo “Validazione e autenticità”, rilasciato alle software-house in data 23 marzo 2016. In data 14 aprile 2016 è stata inoltre fornita alle software-house una versione di CENED+2.0 che implementava già tale meccanismo, in modo da consentire loro un adeguato test prima della pubblicazione dello scorso 13 giugno 2016.
Seguendo tali specifiche, il software commerciale sarà in grado di generare un XML correttamente configurato, pronto ad essere importato in CENED+2.0 tramite la funzione “Importa file XML”, presente nel menù “File”.
A tal proposito si precisa che l’utilizzo di qualunque altra funzione presente in CENED+2.0, compresa la funzione “Importa edificio”, dedicata ai file creati e lavorati esclusivamente con CENED+2.0, è da ritenersi non conforme con quanto previsto nel documento “Validazione e autenticità” e pertanto potrebbe generare errori strutturali nei file, causandone il blocco e l’impossibilità di generazione dell’APE.

CENED+2.0: funzionalità di calcolo NZEB e Legge 10

La funzionalità di calcolo NZEB presente nel software CENED+2.0 contiene la verifica dei principali indicatori che concorrono alla definizione di un “Edificio ad energia quasi zero”, standard obbligatorio in Lombardia dal gennaio 2016 per i nuovi edifici o per interventi assimilati alla nuova costruzione e per gli edifici sottoposti a ristrutturazione importante di primo livello; tali indicatori costituiscono però solo una parte delle verifiche richieste dalla normativa e da asseverare nel documento “Relazione tecnica” (ex legge 10), obbligatorio per le nuove progettazioni.
Pertanto la suddetta funzionalità NZEB deve intendersi esclusivamente come un ausilio al progettista per una verifica preliminare dell’edificio, non sostitutiva delle verifiche da riportare nella Relazione Tecnica.
A tal fine si specifica che, per la predisposizione della Relazione Tecnica (ex-Legge 10), Regione Lombardia non impone l'utilizzo del motore di calcolo CENED+2.0.
Può essere utilizzato qualsiasi programma di calcolo, purché gli algoritmi implementati rispettino quanto indicato all'allegato H del Decreto 6480 del 30/07/2015 o normativa tecnica nazionale e il modello della relazione sia conforme all’Allegato C del Decreto 6480 del 30/07/2015.

 

CLIENT DI TERZE PARTI AUTORIZZATI ALL'USO DI CENED+2 MOTORE

Dal 7 ottobre 2015 le software house possono ottenere l’autorizzazione all’uso di CENED+ 2 Motore, al fine di poterlo integrare con i Client da loro sviluppati.

» maggiori dettagli

Statistiche APE
Numero APE
1848596
CENED+2.0
154372
CENED+1.2 o precedenti
1694224

dati aggiornati al 04/08/2016

Login

Autenticati per accedere ai servizi

Recupera la tua password

Nuova registrazione

Clicca sul link "registrati" per inoltrare la richiesta di accreditamento.

News CENED
Visualizzati 1 - 5 di 314 record.
Pagina of 63